Discussion:
Guitar Synth: sistema migliore
(troppo vecchio per rispondere)
GuitArt
2006-02-28 17:16:01 UTC
Salve a tutti,
ho postato ieri la stesso topic sul ng di la' (iamsc): vorrei provare
anche qui, in virtu' del fatto che ci sono esperti (luvi in primis) di
cui ho letto parecchio in passato sullo stesso argomento.
Il mio dilemma e' se modificare una chitarra che gia ho, oppure
affrontare la spesa di un sistema ex-novo. Nel secondo caso mi
piacerebbe prendere una Godin con sistema gia incorporato + tracker
(quale?). Nel primo caso invece dovrei installare su una delle mie
chitarre un sistema tipo roland gk3 (ma ho letto che ha problemi) + il
solito tracker (oppure il GR33, ma ho anche i miei synth da usare, per
cui non e' fondamentale il GR).
Vorrei consigli sulla strada migliore da perseguire, sia considerando
la spesa che la qualita'... (un sistema economico che poi non funziona
a dovere per me sono soldi buttati...).

Grazie a tutti e un saluto al mitico Luvi !!! (luca, quest'anno niente
disma...ci vediamo al SHG).
:-)

Guit
Domingo
2006-03-01 10:29:34 UTC
Post by GuitArt
Salve a tutti,
ho postato ieri la stesso topic sul ng di la' (iamsc): vorrei
provare
anche qui, in virtu' del fatto che ci sono esperti (luvi in primis) di
cui ho letto parecchio in passato sullo stesso argomento.
Non sono un esperto dell'argomento anzi devo dire che, nonostante Pat
Metheny abbia costruito gran parte del suo successo (e del suo suono)
grazie al suono synth, non amo molto questo mondo. Tuttavia, da quanto
ho visto in giro, i jazzisti si affidano spesso alla soluzione del
pickup esafonico tipo Loading Image... che
consente di continuare ad utilizzare la propria chitarra "aggiungendo"
la dimensione synth.

Se mai dovessi decidere di provare il sintetizzatore, credo che non
avrei dubbi ad utilizzare anche io questo sistema, senza dovermi
prendere una chitarra apposita (costi aggiuntivi, due strumenti da
portarsi dietro ecc.); l'unico difetto sta nel dover "violentare" la
propria chitarra, aggiungendogli questo pickup esafonico il cui
adesivo regge davvero per poco costringendo ad avvitare l'oggetto
(orrore) sulla pregiata tavola armonica.

Ciao!
--
Domingo
***@hotmail.com
http://xoomer.virgilio.it/domingo/
ICQ# 74281872
luvi
2006-03-01 14:42:31 UTC
Post by GuitArt
Salve a tutti,
ho postato ieri la stesso topic sul ng di la' (iamsc): vorrei provare
anche qui, in virtu' del fatto che ci sono esperti (luvi in primis) di
cui ho letto parecchio in passato sullo stesso argomento.
Il mio dilemma e' se modificare una chitarra che gia ho, oppure
affrontare la spesa di un sistema ex-novo. Nel secondo caso mi
piacerebbe prendere una Godin con sistema gia incorporato + tracker
(quale?). Nel primo caso invece dovrei installare su una delle mie
chitarre un sistema tipo roland gk3 (ma ho letto che ha problemi) + il
solito tracker (oppure il GR33, ma ho anche i miei synth da usare, per
cui non e' fondamentale il GR).
Vorrei consigli sulla strada migliore da perseguire, sia considerando
la spesa che la qualita'... (un sistema economico che poi non funziona
a dovere per me sono soldi buttati...).
Grazie a tutti e un saluto al mitico Luvi !!! (luca, quest'anno niente
disma...ci vediamo al SHG).
:-)
Guit
Ciao Guit!! ;-)

Io utilizzo ormai da tempo immemorabile (oltre 14 anni) una solidbody
artigianale a 24 tasti con GK2 ed una Godin Multiac con il sistema RMC,
attualmente entrambe collegate ad un Roland GR33 (ma ho avuto praticamente
tutti i modelli delle interfacce MIDI precedenti: GM70, GR50, GR1 e
GR30...).
Una volta ben regolato come altezza e centratura, il GK (2 o 3 che sia) non
dà grossi problemi... Il sistema RMC è lievemente più veloce e preciso (cosa
da poco, comunque), mentre in compenso è molto fragile e i delicatissimi
fili delle sellette piezo hanno la malvagia tendenza a spezzarsi, specie se
ne fai un utilizzo un pò energico, tipo corde frustate, "slappate" e simili
(sulla Multiac le ho dovute cambiare tutte...). Provai il GK3 tempo fa per
un test su SM e lo montai su una Strato Classic 50 con il suo bi-adesivo. Un
quarto d'ora di lavoro e nessun problema di sorta (lo tenni in visione per
circa due mesi e ci feci un demo audio registrando tutte le parti, batteria
compresa, proprio con quella Strato!). Non notai comunque grosse diferenze
di prestazioni con il GK2, per cui si può andare tranquilli su quel che
capita di trovare (nuovo o usato) tra i due.
In definitiva, io ti consiglierei l'installazione del GK, anche se, come
osserva giustamente Domingo, prima o poi risulta conveniente fissarlo con le
sue viti. A meno di dover profanare un "acero-quilty-non-so-quante-A", io
comunque credo che valga la pena farlo, specie se la chitarra in questione è
uno strumento "da lavoro"...
Imho il Guitar-to-MIDI è un sistema straordinariamente creativo, specie se
usato come "strumento" a sè stante, anzichè come imitazione di strumenti già
esistenti, anche se a questo proposito resta insuperato ed insuperabile il
vetusto e formidabile sistema analogico GR300+G303 che ho la fortuna di
possedere (quello di Metheny, per capirci...)!!

Salutoni!! (peccato che non vieni al DISMA... potevamo farci una jam
assieme!)

L.
GuitArt
2006-03-01 15:31:30 UTC
Post by luvi
Ciao Guit!! ;-)
mitico! :)
Post by luvi
Una volta ben regolato come altezza e centratura, il GK (2 o 3 che sia) non
dà grossi problemi... Il sistema RMC è lievemente più veloce e preciso (cosa
da poco, comunque), mentre in compenso è molto fragile e i delicatissimi
fili delle sellette piezo hanno la malvagia tendenza a spezzarsi, specie se
ne fai un utilizzo un pò energico, tipo corde frustate, "slappate" e simili
(sulla Multiac le ho dovute cambiare tutte...). Provai il GK3 tempo fa per
un test su SM e lo montai su una Strato Classic 50 con il suo bi-adesivo. Un
quarto d'ora di lavoro e nessun problema di sorta (lo tenni in visione per
circa due mesi e ci feci un demo audio registrando tutte le parti, batteria
compresa, proprio con quella Strato!). Non notai comunque grosse diferenze
di prestazioni con il GK2, per cui si può andare tranquilli su quel che
capita di trovare (nuovo o usato) tra i due.
perfetto! vedi... come sfatare un mito :)
sospettavo che non ci fosse sta differenza abissale, pero' come sempre
leggendo qua e la mi ero fatto un'idea del tipo: gk3=merda, RMC=sacro
graal. :)
grazie per la risposta equilibrata e soprattutto basata su "esperienza
diretta".
Post by luvi
A meno di dover profanare un "acero-quilty-non-so-quante-A", io
comunque credo che valga la pena farlo, specie se la chitarra in questione è
uno strumento "da lavoro"...
e' una semplice yamaha stern versione economica (che cmq suona
benissimissimo).
Post by luvi
questo proposito resta insuperato ed insuperabile il
vetusto e formidabile sistema analogico GR300+G303 che ho la fortuna di
possedere (quello di Metheny, per capirci...)!!
azz, non conosco... si trova usato?
il gr-33 invece come lo vedi? si trova su mercatino il bundle gk-2 +
gr33...
Post by luvi
Salutoni!! (peccato che non vieni al DISMA... potevamo farci una jam
assieme!)
peccato davvero... quest'anno il mio datore di lavoro abituale mi ha
"pisciato" (come dicono a parigi), e venire come turista mi costerebbe
troppo, anche se mi piacerebbe :-(

grazie
Guit

p.s. in caso di strumento con ponte vibrato, come si comporta il tutto?
si riesce ad usare la leva? viene riconosciuto il suo movimento?

Guit
luvi
2006-03-01 19:29:23 UTC
"GuitArt" <***@gmail.com> ha scritto nel messaggio news:***@i39g2000cwa.googlegroups.com...

[cut]
Post by GuitArt
perfetto! vedi... come sfatare un mito :)
sospettavo che non ci fosse sta differenza abissale, pero' come sempre
leggendo qua e la mi ero fatto un'idea del tipo: gk3=merda, RMC=sacro
graal. :)
grazie per la risposta equilibrata e soprattutto basata su "esperienza
diretta".
e' una semplice yamaha stern versione economica (che cmq suona
benissimissimo).

Allora fora, fora tranquillo (io ho forato anche l'acero flame della mia
artigianale, quindi...) !! :-))
Post by GuitArt
Post by luvi
questo proposito resta insuperato ed insuperabile il
vetusto e formidabile sistema analogico GR300+G303 che ho la fortuna di
possedere (quello di Metheny, per capirci...)!!
azz, non conosco... si trova usato?
Magari!! Sempre a patto di trovarlo, quel sistema (chitarra + cavo + modulo
synth analogico) oggi lo paghi davvero un occhio... Io lo comprai usato nel
"lontano" 1986 e da allora non ne ho mai più visti in tutta la mia zona
(negozi di S.Marino compresi)...
Post by GuitArt
il gr-33 invece come lo vedi? si trova su mercatino il bundle gk-2 +
gr33...
Lo vedo benissimo!! Ce l'ho ed è ottimo. Trovi anche un editor freeware per
programmarlo da PC, mi pare...
Post by GuitArt
peccato davvero... quest'anno il mio datore di lavoro abituale mi ha
"pisciato" (come dicono a parigi), e venire come turista mi costerebbe
troppo, anche se mi piacerebbe :-(
A Rimini si possoo trovare buone camere a 40 euro per notte, se vuoi qualche
riferimento fammi sapere...
Post by GuitArt
grazie
Guit
de nada! :-)
Post by GuitArt
p.s. in caso di strumento con ponte vibrato, come si comporta il tutto?
si riesce ad usare la leva? viene riconosciuto il suo movimento?
Come no... Basta attivare la funzione pitch bend sul synth o sull'expander
collegato e rileva bending, tirate di corde ed ovviamente la leva!
Post by GuitArt
Guit
A presto,
L.
GuitArt
2006-03-01 21:04:07 UTC
Post by luvi
Magari!! Sempre a patto di trovarlo, quel sistema (chitarra + cavo +
modulo synth analogico) oggi lo paghi davvero un occhio... Io lo comprai
usato nel "lontano" 1986 e da allora non ne ho mai più visti in tutta la
mia zona (negozi di S.Marino compresi)...
azz... scartato allora :)
Post by luvi
Post by GuitArt
il gr-33 invece come lo vedi? si trova su mercatino il bundle gk-2 +
gr33...
Lo vedo benissimo!! Ce l'ho ed è ottimo. Trovi anche un editor freeware
per programmarlo da PC, mi pare...
benone... 600 euro per il tutto ti sembra tanto?
non riesco a capire l'effettivo valore dell'usato... va dai 900 per gk2
+gr33 (sproposito) ai 350 per il solo gr33 (magari in condizioni pessime).
Post by luvi
A Rimini si possoo trovare buone camere a 40 euro per notte, se vuoi
qualche riferimento fammi sapere...
grazie!
Post by luvi
Post by GuitArt
p.s. in caso di strumento con ponte vibrato, come si comporta il tutto?
si riesce ad usare la leva? viene riconosciuto il suo movimento?
Come no... Basta attivare la funzione pitch bend sul synth o sull'expander
collegato e rileva bending, tirate di corde ed ovviamente la leva!
sappi che mi stai facendo salire una GAS incontrollabile... se senti puzza
di butano sono io che "spando" :-)))
mannaggia a te!
:-|

:)
GuitArt
2006-03-01 21:18:50 UTC
[cut]
scusa... ultima domanda: si trova in giro anche il gr-20: soluzione scadente
o cmq dignitosa?
luvi
2006-03-01 22:21:43 UTC
Post by GuitArt
[cut]
scusa... ultima domanda: si trova in giro anche il gr-20: soluzione
scadente o cmq dignitosa?
Assolutamente dignitosa... i suoni sono quelli del GR33 con qualcosa di
nuovo. E' solo maggiormente semplificato (e nemmeno tanto) nella parte
relativa alla programmazione...

L.
GuitArt
2006-03-01 22:37:00 UTC
Post by luvi
Assolutamente dignitosa... i suoni sono quelli del GR33 con qualcosa di
nuovo. E' solo maggiormente semplificato (e nemmeno tanto) nella parte
relativa alla programmazione...
minchia ho appena trovato una gr33 a 350 euri, buon prezzo vero?
con altri 50 mi prendo dallo stesso tizio anche il gk2... quasi
quasi....
mmmmhhhhh
:)
Ago
2006-03-01 19:37:15 UTC
Post by luvi
Imho il Guitar-to-MIDI è un sistema straordinariamente creativo, specie se
usato come "strumento" a sè stante, anzichè come imitazione di strumenti già
esistenti, anche se a questo proposito resta insuperato ed insuperabile il
vetusto e formidabile sistema analogico GR300+G303 che ho la fortuna di
possedere (quello di Metheny, per capirci...)!!
sono assolutamente profano, ma curioso.
che differenza c'è tra il GK2/3 ed l GR303?
Il GR303 è quella chitarra roland che metheny usa? Lui usa sia l'esafonico
montato sulla 175 (lo ha montato anche sulla ibanez), sia il guitar sinth
della roland (la chitarra con il pup esafonico). Che differenza c'è tra i
due sistemi?

ultima curiosità: il guitar sinth serve solo per avere dei suoni diversi da
quelli classici di chitarra: tu suoni una chitarra, ma hai le sonorità di
una tastiera. perché dici che è così creativo? in fondo avere dei suoi un
po' diversi (che a me paiono un po' freddini, ma è opinione personale) non
dovrebbe cambiare così tanto la tua creatività, o sbaglio?

ho fatto domande troppo da niubbo? :-)
ciao
ago
luvi
2006-03-01 22:44:55 UTC
Post by Ago
sono assolutamente profano, ma curioso.
che differenza c'è tra il GK2/3 ed l GR303?
Il GR303 è quella chitarra roland che metheny usa? Lui usa sia l'esafonico
montato sulla 175 (lo ha montato anche sulla ibanez), sia il guitar sinth
della roland (la chitarra con il pup esafonico). Che differenza c'è tra i
due sistemi?
Sono due mondi paralleli... Il sistema GR300 + G303 (o la sua variante "di
lusso" G808) è una chitarra solidbody (costruita dall'Ibanez e dalla
liuteria ottima, tra l'altro), che ingloba tutta l'elettronica ed i
controlli (compreso un originalissimo sistema di comandi "capactivi" del
vibrato, posto sui lati del pickup al ponte) per pilotare, mediante un cavo
scart apposito, un synth completamente analogico (la famosa "scatola blu"),
con due oscillatori interamente programmabili (utilizzabili separatamente o
assieme), polifonia a sei voci e mancanza di preset o di possibilità di
memorizzare alcunché. Il sistema utilizza il MIDI e non soffre di alcun tipo
di ritardo nell'esecuzione ed è estremamente preciso nel tracking delle
note. Come molti sistemi synth analogici, però, ha critici problemi di
accordatura degli oscillatori.
Era stato preceduto da sistemi più primitivi e semplici ed è stato seguito
dal GR700 + G707, che è stato l'ultimo della serie.

Il sistema pickup GKx+GRxx è partito invece dalla tecnologia digitale e si è
evoluto prima per minimizzare i ritardi (inizialmente di quasi 25 msec. che
sono stati all'incirca dimezzati nelle evoluzioni successive), poi nelle
possibilità di programmazione e nella dotazione di suoni. E' un convertitore
guitar-to-MIDI e può quindi pilotare qualunque modulo sonoro dotato di tale
interfaccia (cioè, allo stato attuale, tutti gli expander, le tastiere e le
batterie elettroniche in commercio...).
Post by Ago
ultima curiosità: il guitar sinth serve solo per avere dei suoni diversi da
quelli classici di chitarra: tu suoni una chitarra, ma hai le sonorità di
una tastiera. perché dici che è così creativo? in fondo avere dei suoi un
po' diversi (che a me paiono un po' freddini, ma è opinione personale) non
dovrebbe cambiare così tanto la tua creatività, o sbaglio?
Il guitar synth è estremamente creativo perché amplia a dismisura la tua
visione dello strumento, nonché del linguaggio che normalmente utilizzi.
Suonare un accordo con il suono di un pad analogico o di un vibrafono non dà
la stessa sensazione di quando lo suoni con un normale suono di chitarra,
così come fare un solo con un "lead" da synth analogico ti porta a cercare
di fare cose che con la chitarra non faresti mai...
Anche l'imitazione dei suoni acustici è, a suo modo, molto creativa... Posso
assicurarti che affrontare un solo con la sonorità di una tromba non ti fa
più raffrontare mentalmente, chessò, con Jim Hall, ma ti porta magicamente a
riferirti a Miles Davis, o a Chet Baker ed è davvero tutta un'altra cosa...
anche perchè se cerchi di suonare come fai di solito, le sonorità appaiono
in molti casi poco probabili! ;-)
Post by Ago
ho fatto domande troppo da niubbo? :-)
Tranquillo, che la curiosità non è mai stupida! :-))
Post by Ago
ciao
ago
Ciao! ;-)

L.
GuitArt
2006-03-01 22:51:32 UTC
Post by luvi
Il sistema pickup GKx+GRxx è partito invece dalla tecnologia digitale e si è
evoluto prima per minimizzare i ritardi (inizialmente di quasi 25 msec. che
sono stati all'incirca dimezzati nelle evoluzioni successive)
scusami lu', se ho capito bene, allo stato attuale delle cose avro' un
ritardo (latenza quindi) di circa 13ms?
oddio, io gia soffro al di sopra degli 8ms... mi sono comprato una RME
multiface perche mi offre 1,5 ms reali di ritardo... con la roland
pc-300 (master kb piccolina) abbinata alla RME su cubase ho stimato
circa 3ms, che vanno bene.
Ti giuro sopra gli 8ms soffro di ansia, nervosismo, giramenti di testa
(non sto scherzando!)

Guit
luvi
2006-03-02 08:58:20 UTC
Post by luvi
Il sistema pickup GKx+GRxx è partito invece dalla tecnologia digitale e si è
evoluto prima per minimizzare i ritardi (inizialmente di quasi 25 msec. che
sono stati all'incirca dimezzati nelle evoluzioni successive)
scusami lu', se ho capito bene, allo stato attuale delle cose avro' un
ritardo (latenza quindi) di circa 13ms?
oddio, io gia soffro al di sopra degli 8ms... mi sono comprato una RME
multiface perche mi offre 1,5 ms reali di ritardo... con la roland
pc-300 (master kb piccolina) abbinata alla RME su cubase ho stimato
circa 3ms, che vanno bene.
Ti giuro sopra gli 8ms soffro di ansia, nervosismo, giramenti di testa
(non sto scherzando!)
Guit
Onestamente non so in quanti msec. sia quantificabile il ritardo fisiologico
di conversione dei sistemi attuali... Ho cominciato ad usare il guitar synth
in tempi nei quali occorreva fisicamente "imparare a suonare in anticipo"
(mi riferisco al GM70), cosa che tra l'altro giovava in maniera incredibile
al timing, una volta tornati allo strumento "tradizionale" (!).
Attualmente, sia con l'RMC (che tanto attuale non è, dato che la mia Godin
l'ho comprata nel '92), che con il GK2 (ma vale anche per la prova fatta con
il GK3) non mi pare che ci sisano grossi problemi a seguire una ritmica di
percussione e anche quando (come di recente) ho usato il sistema sia live,
che in studio, non mi son posto alcun problema nonostante fosse passato
molto tempo dall'ultimo utilizzo continuativo.

Che dire? Anche a me la latenza delle schede audio dà molto fastidio, ma con
il synth non è la stessa cosa (evidentemente è un problema che si vive in
maniera differente). Il mio consiglio, prima di acquistare, è casomai quello
di provare. Renditi conto di persona del fenomeno e giudica se ti pare un
problema importante oppure no... ;-)

L.
GuitArt
2006-03-02 09:53:24 UTC
Post by luvi
Il mio consiglio, prima di acquistare, è casomai quello
di provare. Renditi conto di persona del fenomeno e giudica se ti pare un
problema importante oppure no... ;-)
grazie, faro' cosi'... ho gia trovato una cavia :-)))

Guit

Jamba
2006-03-02 00:19:39 UTC
Post by Ago
Post by luvi
Imho il Guitar-to-MIDI è un sistema straordinariamente creativo, specie se
usato come "strumento" a sè stante, anzichè come imitazione di strumenti
già
Post by luvi
esistenti, anche se a questo proposito resta insuperato ed insuperabile il
vetusto e formidabile sistema analogico GR300+G303 che ho la fortuna di
possedere (quello di Metheny, per capirci...)!!
sono assolutamente profano, ma curioso.
che differenza c'è tra il GK2/3 ed l GR303?
Il GR303 è quella chitarra roland che metheny usa? Lui usa sia l'esafonico
montato sulla 175 (lo ha montato anche sulla ibanez), sia il guitar sinth
della roland (la chitarra con il pup esafonico). Che differenza c'è tra i
due sistemi?
ultima curiosità: il guitar sinth serve solo per avere dei suoni diversi da
quelli classici di chitarra: tu suoni una chitarra, ma hai le sonorità di
una tastiera. perché dici che è così creativo? in fondo avere dei suoi un
po' diversi (che a me paiono un po' freddini, ma è opinione personale) non
dovrebbe cambiare così tanto la tua creatività, o sbaglio?
ho fatto domande troppo da niubbo? :-)
ciao
ago
da profano s-conoscitore delle enormi potenzialita' dei guitar-sinth
immagino che poter avere accesso attraverso la chitarra a tutte le
possibilita che offre lo standard midi dia grandi possibilità che si
traducono non tanto e non solo nel poter chessoio, suonare una chitarra e
sentire il timbro di un Rhodes etc se non di suoni creati ad hoc, ma quanto
nel poter interagire con la miriade di software (o altre macchine vere e
proprie) che comunicano attraverso quel linguaggio. Un arrangiatore trovera'
essere una manna dal cielo potere aprire, chessoio, un foglio del software
Finale, e veder comparire su spartito (che poi lo stesso programma potrà
suonare e far sentire, una volta orchestrate le varie parti
dell'arrangiamento) cio' che immette semplicemente tramite la chitarra
evitandogli un'immane fatica da certosino scriba medievale :-) soprattutto
considerato che i chitarristi, fisiologicamente alla natura del proprio
strumento (che per questo stesso motivo pero ha appunto altri vantaggi) sono
poco avvezzi al "sight-reading". Del resto la notazione musicale diffusa non
è stata di certo pensata funzionalmente alla chitarra. Pensa poi a dover
scrivere pagine "a mano"... Forse certo questa funzione è molto utile al
compositore euro-accademico ma anche l'arrangiatore moderno puo' trarne
vantaggio e ci sono comunque funzioni utili anche al musicista che lo vuole
usare in maniera piu' reale e interattiva dal vivo.
Oppure tornando in studio anche poter smanettare con funzioni come arranger
interattivi di altri programmi (per quanto difficilmente utilizzabili in un
arrangiamento finale un attimino piu' serio, ma utili a scopi didattici
magari).
Ma sicuramente Luvi che lo adopera potra' dire di piu' sulle possibilita'
che il guitar-synth offre, sia circa le possibilita' didattiche, o in fase
di arrangiamento o in studio di registrazione, sia circa le possibilita' per
un vero utilizzo live e credo che sapra' dire parecchio.
Piuttosto vedendo Metheny che lo monta sulle archtop mi chiedo se non sia
meglio in questo caso privarsi della cara archtop e servirsi di una solid
body che per via del maggior sustain dovrebbe giocare meno "scherzi" al
pickup esafonico rispetto ad uno strumento acustico. Infatti, non avendo
avuto modo di sperimentarlo, mi chiedevo quindi come si comportasse la
macchina di fronte ad un suono che va decadendo fino a scomparire, quando
invece il synth sta suonando un tappeto con un timbro ad esempio di Hammond,
che naturalmente, per quanto un Hammond consenta si di intervenire sui
parametri percussivi e sul "click" relativi all'attacco, è infinito e non
smette, fin quando non si rilascia il tasto ovviamente.
Suppongo che ci sia il modo di programmare il modulo che si occupa di
pilotare il synth per istruirlo sul come comportarsi nelle varie situazioni
che si possono presentare, quindi magari programmarlo per un "volume swell"
che va a chiudere col decadimento progressivo del suono, o che va a chiudere
in un breve lasso di tempo quando la corda smette di vibrare.
Infine, forse potrebbe essere di interesse confrontare i vari Roland con il
synth dell'Axon Ax-100 del quale ho letto recensioni entusiastiche; si
diceva essere anche superiore, per certi versi, ai Roland. Credo avesse
un'ottima latenza, non ricordo, comunque sul sito, ne avevo visto alcuni
video dimostrativi.
Tempo addietro Alex Milella ne aveva scritto un post a riguardo sul ng.